Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 5 - 14 mar 2012

Video

Ambiente

L'atmosfera sotto l'occhio del Cimone

L'atmosfera sotto l'occhio del Cimone (RM file - 3,10MB )

Con i suoi 2.165 metri, il monte Cimone, che divide il mare Tirreno dall'Adriatico, svetta sulla Pianura Padana, offrendo un panorama unico e completamente libero a 360 gradi. Qui, l'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr conduce studi d'alta quota nel campo climatico e atmosferico, in collaborazione con il servizio meteorologico dell'Aeronautica militare (Am).

"Essendo il Cimone il rilievo più elevato degli Appennini settentrionali, rappresenta un punto privilegiato per studiare le caratteristiche chimico-fisiche e la climatologia della libera troposfera", spiega Paolo Bonasoni, responsabile della stazione di ricerca 'Ottavio Vittori' dell'Isac-Cnr. "Siamo impegnati nello studio dell'atmosfera e dei composti clima-alteranti, in particolare dei cosiddetti 'Short-lived climate forcers' (composti a vita breve) tra cui ozono, metano e 'black carbon', particolato nero che assorbe la radiazione solare e riscalda l'atmosfera. Le misure, condotte in modo continuativo, 365 giorni l'anno, 24 ore su 24, permettono anche di valutare gli eventi di inquinamento estivo o riconducibile a incendi forestali e i trasporti di sabbia dal Sahara. In questo modo abbiamo la possibilità di verificare lo stato di salute dell'atmosfera e l'impatto dei cambiamenti climatici in un'area particolarmente sensibile e densamente abitata come quella del sud Europa e del bacino del Mediterraneo".

Alle attività scientifiche dell'Isac-Cnr si accompagnano anche quelle del Camm, il Centro aeronautica militare di montagna di Sestola-Monte Cimone (Mo) che, tra le sue numerose attività in campo climatico e meteorologico, annovera dal 1979 la misura in continuo della concentrazione in atmosfera di anidride carbonica (Co2), il più importante gas serra.

"Dai nostri dati è evidente come l'andamento della concentrazione di fondo di Co2 in atmosfera sia caratterizzato da un trend e da un'oscillazione. Il primo è dovuto a emissioni antropogeniche a cui si sovrappone un ciclo stagionale abbastanza rilevante", afferma il Tenente Marco Alemanno, capo Servizio rilevamento ed elaborazione dati del Camm.

"L'oscillazione stagionale, nota anche come 'respiro di Gaia', è un fenomeno naturale strettamente correlato alla vegetazione e alla radiazione solare: in estate la maggiore durata del soleggiamento favorisce il processo di fotosintesi delle piante, innescando di conseguenza un maggiore assorbimento di Co2 dalle piante stesse. Durante il periodo invernale il fenomeno di fotosintesi si riduce notevolmente, con il conseguente aumento della concentrazione di Co2 in atmosfera".

I dati raccolti dal Camm rappresentano la più lunga serie storica in Europa di concentrazione di fondo di Co2 in continua. Ma la stazione del Cimone vanta anche un altro primato: dal 2010 è entrata a far parte dell'Organizzazione meteorologica mondiale, diventando la prima e unica global station in Italia, aggiungendosi alle altre 34 stazioni di osservazione sparse in tutto il pianeta tra le quali Nepal climate observatory - Pyramid in Himalaya, a 5.079 metri, promossa da EvK2Cnr e dall'Isac-Cnr unitamente al Nepal academy of science and technology.

Anna Capasso

Fonte: Paolo Bonasoni, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Bologna, tel. 051/6399590, email p.bonasoni@isac.cnr.it

Ultimi video

Con la corsa nuove cellule staminali nel cervello
La scoperta firmata Ibcn-Cnr e pubblicata su 'Stem Cells’ smonta un dogma della neurobiologia, dimostrando per prima volta che la perdita di cellule staminali neuronali durante l’età adulta è un processo reversibile. Lo studio apre nuove prospettive nell’ambito della medicina rigenerativa del sistema nervoso centrale
Salute

Lo sguardo dei migranti
È sintetizzabile così la mostra'Rhome - Sguardi e memorie migranti’, promossa da Roma Capitale e frutto della collaborazione tra ’Associazione 'éarrivatoGodot’, il Cnr e Officine fotografiche Roma con il Museo di Roma in Palazzo Braschi. L’esposizione è visitabile fino al 30 marzo
Cultura

Termoelettricita: c'era una volta
Dal suo scopritore alle applicazioni in ambito spaziale, il film racconta lo sviluppo storico di questo fenomeno, ne illustra le particolarità attraverso semplici esperimenti ed esplora le possibili vie di ricerca per la realizzazione dei materiali termoelettrici
Tecnologia

Il magnetismo 'attrae' l'impresa
Nel corso di un convegno, tenutosi lo scorso 25 febbraio presso l'Area della ricerca del Cnr di Bologna, ricercatori e imprenditori hanno fatto il punto su risorse, competenze e strutture di ricerca attive nel settore
Tecnologia

Prove tecniche di tutela della biodiversità
Messa a punto una metodologia di monitoraggio della biodiversità per valutare l'impatto potenziale delle colture ogm sull'ambiente naturale. La tecnica è stata realizzata nell'ambito del progetto Demetra, coordinato dall'Istituto di genetica vegetale del Cnr, all'interno del Parco Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli
Agroalimentare

Clima: abeti al caldo per saperne di più
Conifere del Trentino 'impachettate' e riscaldate per studiare gli effetti climatici su boschi e foreste. E' quanto stanno sperimentando all'Ivalsa del Cnr di Firenze  
Ambiente

Carnevale, scuole in scienza e… in scena
Sette istituti di Roma e provincia insieme a studiosi, giornalisti e attori per promuovere e diffondere la cultura scientifica: è l’iniziativa 'Scuole in scienza’, organizzata dall’Ufficio stampa del Consiglio nazionale delle ricerche nell’ambito XXIII Settimana della cultura scientifica e tecnologica, promossa dal Miur dal 21 a 27 ottobre 2013, e che prevede il concorso teatrale 'Attori per caso’
Cultura

Il Cnr in missione tra i ghiacci polari
Stanno per riprendere le attività scientifiche in Artide presso la base Dirigibile Italia, gestita dal Cnr dal 1987. Oltre allo studio sui cambiamenti climatici, sono previste ricerche sull’ecosistema e indagini geofisiche sui sedimenti marini
Ambiente

-L'Area Cnr di Bologna compie 20 anni
Per festeggiare, lo scorso 14 novembre, è stato organizzato un convegno, al quale sono intervenuti il presidente dell'Ente Luigi Nicolais, quello dell’Area Mariangela Ravaioli e autorità accademiche e politiche del capoluogo emiliano
Socio-economico