Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 5 - 14 mar 2012

Video

Ambiente

L'atmosfera sotto l'occhio del Cimone

L'atmosfera sotto l'occhio del Cimone (RM file - 3,10MB )

Con i suoi 2.165 metri, il monte Cimone, che divide il mare Tirreno dall'Adriatico, svetta sulla Pianura Padana, offrendo un panorama unico e completamente libero a 360 gradi. Qui, l'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr conduce studi d'alta quota nel campo climatico e atmosferico, in collaborazione con il servizio meteorologico dell'Aeronautica militare (Am).

"Essendo il Cimone il rilievo più elevato degli Appennini settentrionali, rappresenta un punto privilegiato per studiare le caratteristiche chimico-fisiche e la climatologia della libera troposfera", spiega Paolo Bonasoni, responsabile della stazione di ricerca 'Ottavio Vittori' dell'Isac-Cnr. "Siamo impegnati nello studio dell'atmosfera e dei composti clima-alteranti, in particolare dei cosiddetti 'Short-lived climate forcers' (composti a vita breve) tra cui ozono, metano e 'black carbon', particolato nero che assorbe la radiazione solare e riscalda l'atmosfera. Le misure, condotte in modo continuativo, 365 giorni l'anno, 24 ore su 24, permettono anche di valutare gli eventi di inquinamento estivo o riconducibile a incendi forestali e i trasporti di sabbia dal Sahara. In questo modo abbiamo la possibilità di verificare lo stato di salute dell'atmosfera e l'impatto dei cambiamenti climatici in un'area particolarmente sensibile e densamente abitata come quella del sud Europa e del bacino del Mediterraneo".

Alle attività scientifiche dell'Isac-Cnr si accompagnano anche quelle del Camm, il Centro aeronautica militare di montagna di Sestola-Monte Cimone (Mo) che, tra le sue numerose attività in campo climatico e meteorologico, annovera dal 1979 la misura in continuo della concentrazione in atmosfera di anidride carbonica (Co2), il più importante gas serra.

"Dai nostri dati è evidente come l'andamento della concentrazione di fondo di Co2 in atmosfera sia caratterizzato da un trend e da un'oscillazione. Il primo è dovuto a emissioni antropogeniche a cui si sovrappone un ciclo stagionale abbastanza rilevante", afferma il Tenente Marco Alemanno, capo Servizio rilevamento ed elaborazione dati del Camm.

"L'oscillazione stagionale, nota anche come 'respiro di Gaia', è un fenomeno naturale strettamente correlato alla vegetazione e alla radiazione solare: in estate la maggiore durata del soleggiamento favorisce il processo di fotosintesi delle piante, innescando di conseguenza un maggiore assorbimento di Co2 dalle piante stesse. Durante il periodo invernale il fenomeno di fotosintesi si riduce notevolmente, con il conseguente aumento della concentrazione di Co2 in atmosfera".

I dati raccolti dal Camm rappresentano la più lunga serie storica in Europa di concentrazione di fondo di Co2 in continua. Ma la stazione del Cimone vanta anche un altro primato: dal 2010 è entrata a far parte dell'Organizzazione meteorologica mondiale, diventando la prima e unica global station in Italia, aggiungendosi alle altre 34 stazioni di osservazione sparse in tutto il pianeta tra le quali Nepal climate observatory - Pyramid in Himalaya, a 5.079 metri, promossa da EvK2Cnr e dall'Isac-Cnr unitamente al Nepal academy of science and technology.

Anna Capasso

Fonte: Paolo Bonasoni, Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima, Bologna, tel. 051/6399590, email p.bonasoni@isac.cnr.it

Ultimi video

Anfiteatro di Catania: il restyling è in 3D
Lo ha realizzato l’Ibam-Cnr attraverso un modello tridimensionale che ricostruisce in forma integrale uno dei più importanti monumenti della città siciliana
Tecnologia

Nanodem: tra infezione e rigetto
Il progetto, che ha come capofila l’Ifac-Cnr, ha lo scopo di costruire un dispositivo in grado di misurare gli immunosoppressori nel sangue di soggetti che hanno subito trapianti
Salute

Il deserto avanza. Anche in Italia
Il 21% del nostro Paese è a rischio siccità. All'origine, cambiamenti climatici e cattiva gestione del territorio. Questa situazione è anche la causa, in parte, delle ondate migratorie in atto. La soluzione è  un approccio sistemico al problema, capace di riportare in equilibrio ecologico le aree a rischio
Ambiente

i-Treasures, la creatività diventa tangibile
Il progetto ha l'obiettivo di salvaguardare e trasmettere il know-how di forme artistiche intangibili, dalle danze rare ai canti tradizionali
Tecnologia

Milagro torna al mare
La tartaruga Caretta Caretta è stata dimessa dall'ospedale veterinario in cui era stata ricoverata per una ferita sul cranio e sul carapace
Ambiente

‘Ta-Pum’ – Il primo cammino della memoria
La presentazione pubblica di 'Ta-Pum’ in occasione dell'87esima Adunata degli Alpini (Pordenone 9-11 maggio 2014), nella cittadella militare presso il museo storico delle truppe alpine. Tra fronte di guerra e luoghi storici di fondo valle, 1.700 km e quasi 90 tappe compiute in continuativa da due team, composti da civili e militari. Un’impresa-primato dal punto di vista alpinistico, sportivo e culturale
Cultura

Una soluzione sostenibile per agricoltura e ambiente
A darla è il biochar, il residuo carbonioso ottenuto dalla trasformazione termochimica di materiali organici in assenza di ossigeno. Se ne è parlato a Expo 2015, lo scorso 24 giugno in un evento coordinato dall’Ibimet-Cnr
Ambiente

La ceramica italiana nel mondo. E nello spazio
L’Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici del Cnr di Faenza compie 50 anni, tra ricerca scientifica e trasferimento tecnologico all’industria: centinaia di pubblicazioni e ben 18 brevetti tra applicazioni spaziali, superfici autopulenti, biomateriali per rigenerazione ossea in grado di scambiare segnali con le cellule
Tecnologia

La pista di fango
Una pista ciclabile realizzata grazie al recupero dei fanghi dragati, è possibile grazie al progetto 'Life Cleansed' coordinato dall'Ise-Cnr
Socio-economico

Le città d’arte toscane sul telefonino
L'Istituto di scienze e tecnologie dell'informazione (Isti) e l'Istituto di informazione e telematica (Iit) del Cnr hanno collaborato alla realizzazione di 'VisitoTuscany', un software  gratuito per le piattaforme di telefonini intelligenti, che permette di avere tutte le informazioni sulle città d'arte toscane direttamente sul proprio cellulare
Cultura