Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Ambiente
Come vivere in Antartide

L'Antartide è un continente con temperature che possono variare, dalla costa all'interno, da più 15°C a meno 80°C. L'Italia è presente dal 1985 con l'istituzione del Programma nazionale di ricerche in Antartide (Pnra) e con due basi: una stagionale, la stazione Mario Zucchelli, costruita in prossimità della costa, e la stazione Concordia, posta a oltre mille chilometri dal mare e a 3.200 metri di altezza. Il coordinamento delle attività logistiche è affidato all'Enea mentre il coordinamento delle attività scientifiche è affidato al Consiglio nazionale delle ricerche.

La Stazione Concordia si trova sul plateau antartico orientale, nel sito denominato Dome C, un luogo isolato geograficamente, con un alto spessore di ghiaccio che supera i 3.000 metri, una temperatura minima che può arrivare fino a -103°C percepiti e un clima con aria secca e piovosità quasi nulla.

È un laboratorio scientifico a cielo aperto unico sul Pianeta. Ed è proprio qui, che dallo scorso novembre, vivono gli italiani della XXXVI spedizione. Lo station leader Alberto Salvati, primo tecnologo del Consiglio nazionale delle ricerche, alla sua quarta esperienza al Polo Sud, si occupa della gestione dei progetti di fisica dell'atmosfera e meteorologia. 

“Vivere in una base scientifica, come Concordia, situata sul plateau antartico, è sicuramente difficile. Questo è uno dei luoghi più freddi del Pianeta, talmente freddo che non c'è vita di nessun tipo, non ci sono animali, non ci sono piante. Soltanto ricercatori e tecnici possono vivere qui grazie alla base, che è tecnologicamente avanzata, e grazie allo speciale equipaggiamento tecnico di cui dispone”, racconta Salvati. In particolare sottolinea che: “il freddo qui è un nemico, devi imparare velocemente a conoscerlo appena arrivi a Concordia, dai primi sintomi che percepisci sul tuo corpo devi subito saperti regolare”. Bisogna prestare sempre la massima attenzione all'abbigliamento e ai sistemi di sicurezza. L'abbigliamento deve essere curato nei minimi dettagli, sia quando si svolgono attività tecniche, sia quando si svolgono attività ludiche.

Altri video Ambiente

Quale clima dopo Glasgow
Fabio Trincardi e Carlo Barbante – rispettivamente direttore del Dipartimento terra e ambiente e direttore dell'Istituto di scienze polari – fanno il punto sulle politiche per il clima dopo il recente summit internazionale Cop26. E sottolineano l'importanza di ricostruire le temperature del passato per comprendere i cambiamenti climatici attuali

One Ocean Science: la ricerca non si deve fermare
Nel video, l'Istituto di scienze marine del Cnr spiega l'importanza di studiare gli oceani, per il ruolo che rivestono nella vita sulla Terra e nei cambiamenti climatici, tema al centro anche della conferenza delle Nazioni unite, Cop26

Per un mare sempre più blu
Alla (ri)scoperta consapevole del mare sotto casa. È l'obiettivo del progetto “Blu di Genova”, tra i cui partner figura l'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Cnr. Grazie al progetto, Genova ha l'occasione di sperimentare un nuovo modello partecipativo, punto di incontro tra scienza, sport, educazione ambientale, scoperta del territorio, sostenibilità e volontariato

Chimica sostenibile: una soluzione alle grandi sfide dell’umanità
Lidia Armelao, direttore del Dipartimento di scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Cnr, spiega come la Green Chemistry intende riconvertire le vecchie tecnologie in nuovi processi, ridurre l'inquinamento e sviluppare prodotti che possano ridurre l'impatto sull'ambiente

Il Cnr-Iret misura gli scambi di carbonio
Quanta anidride carbonica viene assorbita dalle piante? E quanto è importante lo scambio? A queste domande aiuta a rispondere la stazione dell'Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del  Cnr, posta nel sempreverde bosco di Capodimonte e con un ruolo cruciale nell'ottica del Piano verde europeo

Nuvole: perché studiarle?
Vincenzo Levizzani, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, spiega perché le nubi forniscono preziose informazioni per lo studio della meteorologia e del clima

Un picnic tra le nuvole (in bottiglia)
L'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr partecipa al “Picnic Science”, evento  europeo di promozione della scienza “outdoor” organizzato in Polonia e fruibile online, proponendo esperimenti che spiegano l'influenza dei fenomeni atmosferici sulla meteorologia e sul clima

Gli incendi e l’Artico
“Pillole social” è un progetto divulgativo per  presentare le attività dei ricercatori italiani impegnati nello studio dell'aerosol atmosferico nella regione artica, antartica e nelle stazioni remote d'alta quota. Brevi video, realizzati in collaborazione con l'Istituto di scienze polari del Cnr, illustrano l'importanza dello studio di questa matrice ambientale e spiegano al pubblico perché venga esaminata proprio in queste aree remote

Cacciatori di microplastiche
A Portofino, scienziati e cittadini, a bordo di kayaks, effettuano  la raccolta della plastica in mare con speciali retini. È “Micro Plastic Hunters”, un progetto che coinvolge varie strutture - da Mrevivo  a Lega navale  italiana– ed è coordinato dall'Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino  del Cnr