Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Almanacco della Scienza


ISSN 2037-4801

Archivio dei video

Socio-economico
Sport e stereotipi

La percezione che abbiamo dello sport e il significato che gli viene attribuito, soprattutto in termini di etica e di educazione, risentono di alcuni stereotipi. Lo dimostra un'indagine condotta dall'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cosiglio nazionale delle ricerche. Si registra una mutazione della pratica sportiva, calcio in primis, intesa come modello popolare da seguire.  Antonio Tintori dell'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali  del Cnr fa il punto sulla percezione e il significato dello sport, anche alla luce di alcune recenti proposte sul gioco del calcio che parrebbero minarne alla base i valori, che fino a oggi sembravano indiscussi: “Negli anni si è persa la trasmissione, attraverso lo sport, dei valori socialmente positivi”. Un altro dato degno di considerazione attesta la crescente destrutturazione delle capacità fisiche e l'aumento della sedentarietà: le nuove generazioni sostanzialmente si muovono poco. "Non essendoci più il gioco di strada come un tempo, i più piccoli hanno perso le capacità coordinative di base, come la destrezza, l'equilibrio, il ritmo. Tutte capacità che si acquisiscono nei primi anni di vita”, aggiunge il ricercatore. “È un problema che va a sommarsi a quello della sedentarietà che, oltre ridurre lo stato di benessere, arreca un sovraccarico alle strutture sanitarie”.
La recente polemica di una Superlega calcistica è, probabilmente, solo la punta di un iceberg che nasconde una serie di problemi che vanno affrontati e risolti, perché "il calcio, e lo sport in generale tornino a essere un veicolo di promozione, di benessere sociale e, quindi, anche di educazione", conclude Tintori.

Altri video Socio-economico

Violenza contro le donne: quali misure nei luoghi di lavoro
Il 25 novembre ricorre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Giovanna Acampora, presidente del Cnr-Cug, illustra gli strumenti attualmente a disposizione, a sostegno della lotta contro la violenza di genere e lo stalking nei luoghi di lavoro

Carrozza visita l’Area del Cnr di Bologna
L'idea di rendere il Consiglio di amministrazione itinerante ha portato la presidente del Consiglio nazionale delle ricerche Maria Chiara Carrozza a Bologna, dove ha visitato anche le strutture dell'Ente e sette Istituti

Parisi? Un Nobel al disordine
Il ricordo di chi ha lavorato con lui, Andrea Cavagna, ricercatore dell'Istituto dei sistemi complessi del Cnr: “A volte poteva essere frustrante, essendo una persona incredibilmente intelligente, mi ha insegnato l'importanza dell'essere creativi”

MoltoDonna: l’importanza di una società più inclusiva
La presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza nel webinar “MoltoDonna” del Messaggero sottolinea la necessità che nella valutazione della performance nell'amministrazione si applichi un equilibrio di genere

Cnr: ricerca e territorio
In occasione della sua visita agli Istituti del Cnr di Lecce, la presidente del Consiglio nazionale delle ricerche Maria Chiara Carrozza è stata intervistata dal Tg regionale della Puglia

Città a misura di bambino
Il progetto "La città dei bambini" dell'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) del Cnr compie trent'anni. Grazie a questa iniziativa in molte città e municipi sono stati istituiti i Consigli dei bambini

Stem e pari opportunità per un vero equilibrio nel futuro
La presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza, ospite della trasmissione “Quante storie” di Rai3, affronta il tema del gender gap nelle iscrizioni alle facoltà universitarie scientifiche e tecnologiche

Il punto femminile della ricerca
Il video racconta le paure, le ambizioni, i sogni e i desideri delle donne che hanno scelto di lavorare nel mondo della ricerca, evidenziando le difficoltà che le ricercatrici hanno nel conciliare i tempi del lavoro con quelli della casa e della famiglia. Ma questo non intacca la loro passione per l'attività di scienziate, come raccontano alcune ricercatrici del Cnr

Lockdown tra lavoro agile e Snapshot
Il lockdown raccontato in prima persona da Alessandra Campanelli, ricercatrice dell'Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Cnr di Ancona. Ed è proprio in quel periodo, così unico, che nasce  il nuovo progetto di ricerca “Snapshot”, per lo studio degli effetti sull'ambiente costiero determinati dall'improvvisa interruzione di molte delle attività economiche del nostro Paese 

Una svolta ambiziosa sulla ricerca
Il presidente del Cnr Massimo Inguscio è tra i firmatari della lettera-appello inviata al presidente del Consiglio e al ministro della Ricerca per chiedere l'adeguamento degli stanziamenti per la ricerca scientifica agli standard dei Paesi avanzati. L'unica realistica possibilità per il rafforzamento della ricerca italiana dipende da come verrà ripartito il Recovery Fund