Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 4 - 24 feb 2021
ISSN 2037-4801

Recensioni

“Zuppe di plastica” e inquinamento marino
Ragazzi

“Zuppe di plastica” e inquinamento marino

L'inquinamento del mare, in particolare quello provocato dal materiale plastico, è il tema affrontato del libro per bambini “Un oceano di plastica” (Dedalo) di Eleonora Polo, ricercatrice dell'Istituto per la sintesi organica e la fotoreattività del Cnr di Ferrara e divulgatrice scientifica. Il volume racconta la storia di Francesca, Gemma e Mario, tre bambini che durante un soggiorno estivo al mare, aiutati dalla zia Elly, chimica interessata ai problemi della gestione dei rifiuti plastici, comprendono i pericoli e le conseguenze dell'inquinamento marino.

Durante le loro passeggiate sulla spiaggia per raccogliere conchiglie, i piccoli si rendono conto di quanta sporcizia e materiali abbandonati si trovino tra la sabbia e sulla riva. La zia Elly decide quindi di fare con loro un gioco per spiegare cosa succede agli oggetti che buttiamo e che, prima o poi, arrivano negli oceani, portati dalla corrente o dai fiumi; e a quelli caduti dalle imbarcazioni. Con l'aiuto di paperelle di gomma, ciabatte infradito, accendini, reti da pesca, ghiaccioli, lavatrici e persino un water e una zucca, la zia fa ragionare i ragazzini sull'importanza del riciclo e di pensare al futuro del nostro Pianeta, per salvarlo dall'inquinamento.

Prendendo spunto da una paperella di gomma, Elly racconta che nel 1992 una nave da carico, attraversando l'Oceano pacifico, finì in mezzo a una tempesta e perse i container che erano sul ponte. “In uno c'erano 28.800 animaletti da bagno: papere gialle, castori rossi, tartarughe blu e ranocchie verdi. Si è aperto e il suo contenuto è finito in acqua. Poi gli animaletti sono venuti a galla e sono andati a spasso negli oceani”.   Dopo 15 anni, l'ultima paperella è stata trovata sulle coste francesi.

Il movimento di questi carichi perduti e degli oggetti sull'acqua ha aiutato i ricercatori a studiare i movimenti delle correnti. “Gli oceani sono tutti collegati e attraversati da correnti complesse che creano una specie di grande nastro trasportatore”. Nel mare, inoltre, la plastica si conserva a lungo perché calore, raggi UV, presenza di microrganismi e agenti chimici sono più deboli che in ambiente terrestre e si creano così vere e proprie isole galleggianti. Ma che aspetto hanno queste isole? Quante sono? E dove si trovano? A queste domande risponde l'autrice in maniera semplice e diretta perché su questo tema circolano ancora molte idee sbagliate. Le isole di plastica sono sei: due nel Pacifico, due nell'Atlantico, una nell'Oceano indiano, una nella zona polare artica e “sono più che altro una brodaglia di frammenti. Il capitano Charles Moore, che le ha scoperte, preferisce definirle 'zuppe di plastica'. Oltre il 90% di quello che galleggia è più piccolo di mezzo centimetro”.

Purtroppo, queste isole sono solo la punta di un iceberg di un danno ambientale più ampio e complesso, perché la plastica non si degrada nell'ambiente: diventa cibo per pesci, uccelli e altri animali. “Alcune plastiche in mare – spiega zia Elly - si comportano come spugne e tirano su tutte le sostanze inquinanti che si trovano in acqua e finiscono per concentrarle. Perciò, quando qualche specie marina la mangia, si becca anche una buona dose di inquinanti”. A tal proposito Marcus Eriksen, biologo marino, disse che “quello che finisce in mare prima o poi lo ritroviamo nel piatto”.

L'autrice, oltre a spiegare l'inquinamento del mare, fornisce utili suggerimenti per migliorare la gestione dei rifiuti ed evitare che finiscano in acqua; in particolare, consiglia di utilizzare la regola delle 4 R: riduci, ripara/riusa, recupera, ricicla.

Il racconto è arricchito dalle immagini di Vittoria Lorusso, graphic designer specializzata in illustrazione scientifica, da un glossario e da riquadri che aiutano il piccolo lettore ad approfondire le tematiche più difficili. Una particolarità del volume sono i QRcode inseriti nelle pagine, che inquadrati con i dispositivi elettronici rimandano a siti e video che spiegano meglio alcuni concetti e permettono una interazione del lettore.

Maria Adelaide Ranchino

titolo: Un oceano di plastica
categoria: Ragazzi
autore/i: Polo Eleonora, Lorusso Vittoria
editore: Dedalo
pagine: 64
prezzo: € 9.50