Ultima edizione | Archivio giornali | Archivio tematico | Archivio video

CNR: Alamanacco della Scienza

Archivio

N. 3 - 12 feb 2020
ISSN 2037-4801

Recensioni

Rth: la ricerca tra scienze filosofiche e pedagogiche
Rivista

Rth: la ricerca tra scienze filosofiche e pedagogiche

È consultabile online in Open Access la settima edizione annuale di “Research Trends in Humanities” (Rth), rivista scientifica internazionale dedicata all'esplorazione degli avanzamenti della ricerca nelle scienze filosofiche e pedagogiche. La pubblicazione - sotto la direzione scientifica di Rosario Diana, dell'Istituto per la storia del pensiero filosofico e scientifico moderno del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli, e di Flavia Santoianni, professore ordinario di Pedagogia sperimentale presso l'Università degli studi di Napoli Federico II – esplora i traguardi e le sfide ancora aperte nella ricerca sulle neuroscienze educative e sulla filosofia interculturale, con un focus specifico dedicato alla trasmissione dei saperi umanistici attraverso le arti performative.

L'edizione 2020 si apre con la sezione Brain Education Cognition, che riporta un'indagine sui contributi che il sapere scientifico, sviluppato dalle neuroscienze cognitive, può offrire alla ricerca didattica e alla pedagogia sperimentale per una comprensione evoluta e integrata dei processi di insegnamento e apprendimento. Prendendo le mosse dalla concezione olistica con cui le scienze bioeducative considerano la persona, concepita nella sua unicità bio-psico-socio-spirituale, l'inclusione delle dimensioni corporee, affettive, relazionali, culturali e ambientali nella ricerca pedagogica diviene fondamentale per poter comprendere appieno i meccanismi del pensiero e dell'apprendimento.

In quest'ottica, i contributi della settima edizione di Rth illustrano le profonde implicazioni dell'approccio dell'embodied cognition (conoscenza incorporata), secondo il quale i processi cognitivi sono radicati nel corpo fisico e nelle sue interazioni con l'ambiente esterno e da questi vengono dinamicamente plasmati. I saggi proposti esplorano, dunque, la ricchezza dei risvolti teorici e applicativi della conoscenza incorporata, e vanno dall'interconnessione tra corpo e lettura a un'analisi del luogo fisico in cui l'apprendimento acquisisce forma, il banco scolastico come oggetto capace di veicolare valori simbolici, culturali e comunicazionali, passando attraverso l'educazione nel contesto ospedaliero, la disabilità e lo sviluppo del bambino nei diversi ambiti culturali.

A fare da ponte con la sezione Evolving Philosophy, un approfondimento sul concetto di contingenza, sviluppato dal filosofo statunitense Richard Rorty, con il suo approccio tipicamente post-moderno e pragmatico alla filosofia educativa. I temi che animano il dibattito della filosofia in evoluzione riguardano lo statuto e la funzione della filosofia nel nostro tempo, le possibili vie per innovare teorie e metodi dell'indagine filosofica, le contaminazioni e gli effetti dell'incontro con mondi e culture “altre” rispetto a quella occidentale, nonché il rapporto e le possibili interazioni tra arti e filosofia.  In questo numero, si spazia tra autori che attraversano epoche e culture anche molto distanti, da Suhrawardi a Girolamo Savonarola, da Spinoza a Paul Natorp, fino a Pietro Pancrazi; mentre la rubrica di ricerca interculturale indaga il mistero della morte, lo spazio e il tempo.

Il numero si chiude, come da tradizione, con un quaderno monografico che raccoglie riflessioni e resoconti di percorsi sperimentali di convergenza tra saperi umanistici, arti musicali e audiovisive. In questa edizione si racconta, con ricchezza descrittiva e analitica, la messa in scena delle prime due tappe della trilogia “Scene del riconoscimento: Milton, Hegel, Camus”. Protagonista è la filosofia, in particolare la tematica del riconoscimento, veicolata al pubblico attraverso l'immediatezza espressiva della musica e della performance attoriale. Il progetto sperimentale si configura come un vero e proprio “spettacolo filosofico”, in cui, come suggerito dal titolo, il tema cardine del riconoscimento viene declinato nelle tre figure paradigmatiche di un poeta, un filosofo e uno scrittore. Nel quaderno tematico disponibile online è possibile visionare un'ampia gamma di materiali sugli spettacoli messi in scena tra il 2018 e il 2019 a Palazzo Serra di Cassano di Napoli, nella cornice del Teatro della filosofia, tra cui le partiture musicali, i testi di riferimento, il materiale fotografico, nonché i link agli estratti video delle opere. La tappa conclusiva della trilogia, dedicata ad Albert Camus, è prevista nella stessa sede nel giugno del 2020.

Elena Campus

titolo: Research Trends in Humanities
categoria: Rivista
autore/i: Diana Rosario, Santoianni Flavia
editore: Federico II University Press
pagine: 261